Prova finale

Criteri stabiliti per la presentazione delle tesi

Si riportano i criteri assieme ai 2 format e alle norme redazionali che dovranno essere utilizzate per le prove.

Premessa:

  • alle prove finali sono assegnati da piano di studi 15 CFU che corrispondono a un tempo di impegno dello studente che deve essere rispettato assegnando delle prove congruenti con il percorso formativo;
  • le prove finali, come indicato nel nostro Regolamenti didattico consisteranno, secondo quanto previsto dal DM n. 87 del 26 maggio 2009, in 2 prove: 1. prova 1 (prova abilitante) di carattere applicativo, realizzata nel corso dell’ultimo anno attraverso un intervento pratico-laboratoriale che potrà essere tratto dall’attività svolta nel quinquennio, la prova dovrà essere presentata con una relazione tecnica finale sotto la guida di uno o più docenti restauratori; la prova 2 (tesi) di carattere teorico-metodologico, consistente nella discussione di un elaborato scritto e si avvarrà della presenza di tre relatori, di cui uno indicato come Relatore di riferimento, in un lavoro interdisciplinare tra area storico-artistica, tecnico-scientifica e pratico-laboratoriale;
  • le prove 2 devono sempre avere la collaborazione tra restauratori, area storico-artistica, area tecnico-scientifica ed è un impegno del relatore di riferimento di garantire questa collaborazione ai candidati in tesi;
  • i relatori nelle tre aree indicate devono avere una funzione chiave di revisione dei format che gli studenti presenteranno al Coordinamento come sintesi del lavoro che sarà presentato e discusso poi in Commissione tesi per la sua approvazione.

Il Coordinamento dei Laboratori di restauro, nelle forme e nei modi che riterrà opportuni in collaborazione con tutti i colleghi propone alcuni temi per le prove finali (prova 1 e prova 2) così da creare i gruppi di lavoro sulle tematiche proposte e da offrire agli studenti dei temi meditati e già una composizione di gruppi multidisciplinari come previsto, offrendo anche un’opportunità di coinvolgimento di tutte le componenti del CdS.

Le proposte così articolate saranno presentate agli studenti al quarto anno i quali potranno in quella sede avanzare nel caso, ulteriori proposte che saranno comunque vagliate dalla Commissione nel corso delle riunioni previste.

Le due scadenze fissate per gli studenti saranno a settembre (per la sessione successiva di marzo/aprile) e a febbraio (per la sessione di ottobre/novembre).

Il Coordinamento dei Laboratori avrà il compito di raccogliere i format (prova 1 e prova 2) compilati dagli studenti nelle due scadenze fissate per la successiva discussione in Commissione Tesi.

La scelta delle prove (prova 1 e prova 2) deve essere fatta preferibilmente su manufatti che sono presenti nei Laboratori o di facile acquisizione data la tempistica legata alle Convenzioni e agli aspetti amministrativi necessari.

Tutte le proposte saranno comunque vagliate dalla Commissione tesi nel corso delle riunioni previste.

Le sessioni di laurea si svolgono nei mesi di aprile e novembre. Per le date dell’anno corrente si rimanda alla pagina Lauree.

 

Materiali utili: